STORIE DI FANTASMI – ANCHE I VIP CREDONO AI FANTASMI!

No Gravatar

STORIE DI FANTASMI – ANCHE I VIP CREDONO AI FANTASMI!

 

Anche nel mondo delle celebrities c’è chi ammette con orgoglio di credere all’esistenza dei fantasmi, e non esita a rendere pubblici i suoi incontri più sconvolgenti. La  cantante e attrice DEMI LOVATO, beniamina dei giovanissimi, ha confidato in vari talk show televisivi che nella sua casa in Texas vive lo spirito di una bambina di 11 anni  di nome Emily – è sicura che la piccola si chiami “Emily” perché è il nome fatto da tre diversi sensitivi da lei consultati in merito. Il suo  primo ricordo  di Emily risale a quando  aveva 3 anni: vedendola parlare da sola sua madre le aveva chiesto cosa stava combinando, e lei le aveva risposto che stava chiacchierando con la sua migliore amica. Emily le appare ancora oggi, sempre con l’aspetto di una bambina, e riesce sempre a farla sentire amata e protetta. Ben diversa è stata l’esperienza vissuta  a casa di quella che per anni fu la sua collega preferita, SELENA GOMEZ.

Dopo aver  traslocato con la madre, Selena aveva invitato l’amica a trascorrere un fine settimana da  lei. Il venerdì  notte le due ragazze sentirono strani rumori provenire dall’armadio della camera in cui dormiva  Demi: sembrava che al suo interno ci fosse qualcuno imprigionato che sferrava pugni contro le ante per riuscire a scappare. A un certo punto  la sedia posta ai piedi del letto si mosse di scatto, andando a sbattere proprio contro l’armadio. Le due amiche si rifugiarono in cucina, tormentate fino all’alba dal baccano proveniente dalla stanza. Decise a risolvere il mistero di quella notte terrificante, si informarono presso alcuni vicini e scoprirono che anni prima l’uomo che aveva fatto costruire quella casa si era impiccato dentro l’armadio, salendo in piedi su quella stessa sedia…  “Io credo ai fantasmi così come credo che esistano il paradiso e l’inferno, e so che sulla Terra vagano anime buone e anime cattive o sofferenti che non sanno come raggiungere la loro destinazione finale: spetta a noi esseri umani aiutarli”: questo è ciò che Demi ha più volte confidato ai giornalisti, decisa a convincere il maggior numero possibile di persone dell’esistenza di spettri e luoghi infestati!

 

Quando nel 2010 NICOLAS CAGE  fu  costretto a dichiarare bancarotta,  molti appassionati di esoterismo si dissero certi  che i suoi guai finanziari fossero dovuti allo  sconsiderato acquisto di una dimora  notoriamente maledetta. La storia di villa LaLaurie, situata all’1140 di Royal Street nel quartiere francese di New Orleans, è  infatti nota in tutto il mondo.  Fatta costruire  nel 1832 dal  dottor Louis LaLaurie,  divenne in breve  un luogo di dolore e terrore. Delphine, la  moglie del medioco, era infatti una sadica assassina  e godeva nel torturare e smembrare i suoi schiavi di colore, soprattutto i bambini, che dopo aver fatto a pezzi lasciava marcire in solaio. In un primo tempo la  ricchezza della famiglia LaLaurie servì a soffocare le chiacchiere, ma  quando una schiava di soli 12 anni, Lia, morì cadendo dal tetto di casa nel tentativo di sfuggire alle frustate di Delphine, la polizia cominciò finalmente a interessarsi di ciò che accadeva in Royal Street. Venne così alla luce una serie di maltrattamenti che non fu però sufficiente a inchiodare la perfida Delphine alle sue responsabilità.

Solo l’incendio appiccato da una cuoca il 10 aprile 1834 portò alla luce l’attività di quella che può essere definita una serial killer in crinoline. Quando i pompieri fecero irruzione nella cucina in cui erano divampate le fiamme, trovarono l’anziana cuoca incatenata alla stufa: la poveretta aveva una gamba in cancrena per via della catena che da anni la imprigionava, consentendole di spostarsi solo di pochi metri. Fu lei a parlare dei suoi  colleghi di sventura spariti  in quei tre anni dopo essere stati portati in soffitta. Ai vigili del fuoco che sfondarono la porta del solaio apparve un spettacolo agghiacciante: una decina di schiavi, uomini e donne, erano appesi a ganci attaccati  al soffitto. Tutti loro erano stati torturati, e alcuni erano morti da giorni.

A  un ragazzo  erano state spezzate le gambe in modo che si piegassero come le zampe di un granchio, ad altri erano stati tagliati  sottili lembi di carne che scendevano come petali di un macabro fiore, e tutti indossavano alti collari di ferro cui erano fissati chiodi che impedivano loro di piegare la testa. Interrogando  i superstiti, che vennero poi messi letteralmente in mostra nella prigione della città per dimostrare che non si trattava di uno scandalo inventato per danneggiare la famiglia La Laurie, i poliziotti scoprirono che almeno un centinaio di schiavi erano stati seviziati fino alla morte e sepolti poi nell’ampio giardino che circondava la magione.

L’assassina era Dalphine, ma i suoi concittadini erano certi che il marito non potesse ignorare le sue macabre attività: la casa venne assalita e distrutta dalla popolazione inferocita, ma nel frattempo i LaLaurie si erano messi in salvo – le loro tracce scomparvero per una decina d’anni, finché non  giunse notizia della loro morte avvenuta per un incidente di caccia a Parigi, in Francia.  Il povero Nicholas Cage era a conoscenza di questa storia che giudicava però una sciocca superstizione: per cambiare idea gli bastò incrociare più volte sulle scale che portano in soffitta i fantasmi della piccola Lia e di altri schiavi morti per le sevizie! L’acquisto però era già stato finalizzato, e l’attore (i cui familiari non vollero mai mettere piede nella villa) andò così ad aggiungersi al lungo elenco di sfortunati compratori a cui da metà ottocento in poi villa LaLaurie non portò altro che guai e in alcuni casi addirittura una morte violenta e prematura…

 

2007-nicolas-cage-280x400LALAURIE-HOUSE-GHOST

 

TUTTI I CONTENUTI SONO DI PROPRIETA’ DI CSPC LA RIPRODUAZIONE ANCHE PARZIALE DEI CONTENUTI E’ VIETATA SENZA IL PERMESSO DEL CSPC.

Info su Valentina

La vera storia di Valentina. Molto conosciuta nella sua zona di residenza, è apprezzata soprattutto per la sua infinita pazienza e costanza nell’aiutare tutti coloro che soffrono e si rivolgono a lei. Ricevette la “PARTICOLARE” sensibilità, quando, ancora bambina, accudiva la Nonna materna, gravemente malata, con gradevoli attenzioni. La Nonna mancò all’affetto dei suoi cari, ma la sua “PARTICOLARE sensibilità” passò alla piccola Valentina, che a stento se ne rese conto. Con il tempo, lo studio intenso, e grandi sacrifici, le caratteristiche si sono rivelate sempre più forti e precise. Un giorno, ad esempio, fu contattata per avere notizie di un fidanzato di cui non si avevano più notizie da oltre due anni. Il ragazzo fu prontamente rintracciato telefonicamente. Lui ignaro lavorava negli Stati Uniti. La sua sensitività è sfruttata per la ricerca di persone amate, oltre a fedeli amici animali e agli oggetti smarriti. Alla fine degli anni novanta organizzò, nel capoluogo Lombardo, come docente, un importante corso di cartomanzia rivolto a coloro che volevano approfondire le conoscenze sulla divinazione di TAROCCHI e SIBILLE. Ancora oggi le sue dispense sono utilizzate per chiarire ogni dubbio ai meno esperti. Agli inizi del nuovo secolo sono aumentate le collaborazioni con famose sensitive e veggenti, di fama internazionale, ed ancora oggi questi sviluppi sembrano non fermarsi mai, anzi danno sempre maggiori soddisfazioni. Negli ultimi anni, amici astrologi si sono avvicinati a lei ed alcuni in particolare toccano con mano la sua accuratezza e puntualità nelle precise soluzioni ai quesiti sempre risolti. Noti imprenditori, quotidianamente, si rivolgono a lei per ottenere approfonditi sondaggi commerciali, per conoscere l’eventuale solvibilità dei loro clienti, o conoscere la lealtà dei propri collaboratori. Ora siamo nell’era medianica, questa popolarità si è sensibilmente allargata, grazie ai moderni mezzi di telecomunicazione, è possibile così avere contatti con Lei da qualsiasi parte del mondo, anche se si risiede in un luogo remoto. Con tutti i mezzi che la moderna tecnologia ci mette a disposizione non potete non comunicare con Valentina. Tutti i giorni accoglierà le Vostre richieste e risponderà senza indugio ai Vostri quesiti. Un abbraccio, Valentina. http://www.centrostudipianetacielo.it
Questa voce è stata pubblicata in Fantasmi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha (test di controllo): * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.