BAMBINI INDACO

No Gravatar

Bambini Indaco

di Debra Hegerle

Mio figlio è un Indaco di sette anni. Ho lavorato come aiuto insegnante in tutte le sue classi, dalla scuola dell’infanzia fino a oggi che è in prima elementare, e l’ho osservato interagire con altri bambini, Indaco e non, di tutte le età. E’ stato interessante! In effetti, cercare di mettere per iscritto la mia esperienza per me ha rappresentato una sfida, poiché i bambini fanno tante cose difficilmente percettibili.

Gli Indaco elaborano le emozioni in modo diverso rispetto ai non-Indaco, grazie a un buon livello di autostima e alla loro integrità. Possono leggervi come un libro aperto e notano o neutralizzano subito ogni vostra intenzione occulta o perfino il più piccolo tentativo di manipolazione che abbiate in mente. Anzi, sono addirittura in grado di percepire le vostre idee riposte anche se voi stessi non ne siete consapevoli! Possiedono una forte disposizione innata a fare le cose da soli e vogliono una guida esterna solo se viene proposta loro con rispetto e sotto forma di una vera scelta. Preferiscono risolvere le situazioni per conto loro.

Nascono con intenzioni e doni di natura già ben evidenti. Assorbono la conoscenza come delle spugne, specialmente su argomenti che gradiscono e da cui si sentono attratti, divenendo in tal modo molto esperti nelle loro aree di interesse. Poiché l’esperienza rappresenta per loro il modo più congeniale per apprendere, sono capaci di crearsi le esperienze di cui hanno bisogno per riuscire a risolvere i problemi che incontrano o per crescere in determinate aree. Quando vengono trattati con il rispetto dovuto all’adulto, reagiscono nel modo migliore.

Non solo sono maestri nell’individuare intuitivamente nell’altro motivi reconditi o intenzioni riposte, ma sono anche altrettanto bravi a rivolgere tali manipolazioni verso le persone stesse che le usano, specialmente i genitori. La loro tendenza psicologica a “premere i bottoni” della gente li connota spesso come dei non conformisti. Se si accorgono che volete manipolarli per fargli fare qualcosa, oppongono molta resistenza e si sentono estremamente giustificati nel mantenere tale atteggiamento. Vedendo le cose dal loro punto di vista, se ritengono che voi non stiate mettendocela tutta per relazionarvi con loro, vi sfidano.

Quando li ho definiti bravi a “premere i bottoni” in realtà volevo esprimere il concetto che lavorano con noi adulti, per aiutarci a riconoscere quando ci stiamo servendo di vecchi e ingegnosi modelli per manipolarli, tutti trucchi che una volta funzionavano, ma ora non più. Quindi se un Indaco vi fa continuamente resistenza, significa che dovete prima di tutto controllare cosa state facendo. Forse quell’Indaco sta mettendovi davanti uno specchio, o vi sta chiedendo, in modo non certo conformista, di aiutarlo a scoprire nuovi confini, in modo che possa affinare le sue abilità e i suoi talenti, o raggiungere un livello ulteriore di crescita.

Gli Indaco hanno abilità guaritrici innate che solitamente sono attive in loro fin da piccoli, ma possono non rendersi conto che le stanno usando! L’evento più spettacolare che mi è capitato di osservare era il modo in cui formavano dei gruppi, sistemandosi e allargandosi in un certo modo intorno a un loro coetaneo ammalato o in pena: si sedevano e fondevano il loro campo con quello del compagno. Molte volte era uno solo di loro che andava a mettersi vicino al compagno, ma talvolta formavano dei gruppi e si sedevano in modo da creare una formazione di tipo triangolare o romboidale intorno al compagno. Tutto si svolgeva in maniera molto impercettibile, tutt’altro che ovvia. Quando avevano finito, se ne andavano a fare qualcos’altro.

Era incredibile: lo facevano, ma non volevano parlarne. In alcuni casi non erano neanche consapevoli di ciò che stavano facendo e del perché! Per loro era cosi naturale che, se un bambino aveva bisogno di qualcosa dagli Indaco, loro andavano semplicemente a sedersi accanto a lui per un po’, talvolta senza neanche il bisogno di parlare, e poi lo lasciavano stare per conto suo.

Un’altra cosa interessante che ho notato è che durante tutto l’anno scolastico gli Indaco attraversavano dei periodi in cui provavano o attrazione o repulsione gli uni verso gli altri; oppure c’erano periodi in cui avevano veramente bisogno della compagnia dei loro simili alternati ad altri momenti in cui non ne avevano bisogno. Non ho un’idea del tutto precisa di questo fenomeno, ma sembra coincidere con lo sviluppo personale individuale. Il senso di comunanza e di interesse reciproco fra Indaco non veniva mai a cadere durante i loro periodi di distanziazione, tuttavia ciò non comportava che si riavvicinassero gli uni agli altri finché tutto non era tornato a posto.

Bambini indaco

 

 

 

link sito:
Chat Cartomanzia online gratis:
Chat Tarocchi online gratis:
Chat Astrologia online gratis:
Iscriviti alla Chat gratuitamente:
Forum Cartomanzia:
Forum Tarocchi:
Forum Astrologia:
Iscriviti al Forum gratuitamente:
Oracolo online gratis:
Valentina Oroscopo:
Eros Oroscopo:
Oroscopo Maggio 2011:
Transiti Maggio 2011:
La tua cartomante di fiducia:
Oroscopo in amore gratis:
Interpretazione dei sogni:
Blogcartomanzia.it

Info su Valentina

La vera storia di Valentina. Molto conosciuta nella sua zona di residenza, è apprezzata soprattutto per la sua infinita pazienza e costanza nell’aiutare tutti coloro che soffrono e si rivolgono a lei. Ricevette la “PARTICOLARE” sensibilità, quando, ancora bambina, accudiva la Nonna materna, gravemente malata, con gradevoli attenzioni. La Nonna mancò all’affetto dei suoi cari, ma la sua “PARTICOLARE sensibilità” passò alla piccola Valentina, che a stento se ne rese conto. Con il tempo, lo studio intenso, e grandi sacrifici, le caratteristiche si sono rivelate sempre più forti e precise. Un giorno, ad esempio, fu contattata per avere notizie di un fidanzato di cui non si avevano più notizie da oltre due anni. Il ragazzo fu prontamente rintracciato telefonicamente. Lui ignaro lavorava negli Stati Uniti. La sua sensitività è sfruttata per la ricerca di persone amate, oltre a fedeli amici animali e agli oggetti smarriti. Alla fine degli anni novanta organizzò, nel capoluogo Lombardo, come docente, un importante corso di cartomanzia rivolto a coloro che volevano approfondire le conoscenze sulla divinazione di TAROCCHI e SIBILLE. Ancora oggi le sue dispense sono utilizzate per chiarire ogni dubbio ai meno esperti. Agli inizi del nuovo secolo sono aumentate le collaborazioni con famose sensitive e veggenti, di fama internazionale, ed ancora oggi questi sviluppi sembrano non fermarsi mai, anzi danno sempre maggiori soddisfazioni. Negli ultimi anni, amici astrologi si sono avvicinati a lei ed alcuni in particolare toccano con mano la sua accuratezza e puntualità nelle precise soluzioni ai quesiti sempre risolti. Noti imprenditori, quotidianamente, si rivolgono a lei per ottenere approfonditi sondaggi commerciali, per conoscere l’eventuale solvibilità dei loro clienti, o conoscere la lealtà dei propri collaboratori. Ora siamo nell’era medianica, questa popolarità si è sensibilmente allargata, grazie ai moderni mezzi di telecomunicazione, è possibile così avere contatti con Lei da qualsiasi parte del mondo, anche se si risiede in un luogo remoto. Con tutti i mezzi che la moderna tecnologia ci mette a disposizione non potete non comunicare con Valentina. Tutti i giorni accoglierà le Vostre richieste e risponderà senza indugio ai Vostri quesiti. Un abbraccio, Valentina. http://www.centrostudipianetacielo.it
Questa voce è stata pubblicata in Anime in viaaggio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha (test di controllo): * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.